BENVENUTI A MODENA, SAHARA…

TEMPERATURE NELLA NORMA? DIREI PROPRIO DI NO! L’ESTATE 2015 E’ GIA’ CONSIDERATA DA RECORD E NON SIAMO NEMMENO ALLA FINE DI LUGLIO: ADDIRITTURA SEMBRA ESSERE LA QUINTA ESTATE PIU’ CALDA DI TUTTI I TEMPI, ALMENO DA QUANDO ESISTONO LE RILEVAZIONI METEREOLOGICHE. E COSI’ PUO’ CAPITARE DI ENTRARE A MODENA E DI TROVARSI IN PIENO DESERTO DEL SAHARA…
DAI, COMBATTIAMO IL CALDO CON UN PO’ DI SANA (E FRESCA) IRONIA. modena sabbia

“RIPARATA” LA GRECIA, ORA NON RISCHIAMO L’ITALEXIT?

crisi-greciaHo letto commenti positivi e ho sentito sospiri di sollievo eterni dopo il sudato “Si” del Parlamento greco al nuovo piano di austerity imposto dall’Europa alla Grecia del “ribelle” premier Tsipras. Perché sarà anche vero che, per un paio di settimane, abbiamo fatto tutti il tifo per la piccola Grecia contro il gigante Europa (tralasciando le vere ragioni del mastodontico debito pubblico ellenico), ma alla resa dei conti è meglio che le cose siano state sistemate, anche se alla meno peggio. Tanto cambiare per nulla cambiare. Da italiano in bolletta, ho pensato: se salta la Grecia, possiamo saltare anche noi, intesi come Italia. Se, invece, hanno salvato la Grecia, allora vuol dire che – in caso di necessità, se e quando succederà – salveranno anche l’Italia. Quindi, un po’ egoisticamente: niente Grexit e niente Italexit.
Ma siamo proprio sicuri?
In linea di massima, si. Visto che l’Italia è dotata di una struttura economica e industriale ben più sviluppata della Grecia (che praticamente non ha fabbriche) e, dagli anni di Monti e Fornero fino ad oggi, anche a costo di duri sacrifici, il Belpaese è in qualche modo riuscito a rientrare almeno parzialmente nei limiti imposti impietosamente dall’Europa (pensiamo alle pensioni “allungate). Mentre negli stessi anni, in Grecia – tra spese pazze per le Olimpiadi di Atene, baby-pensioni e niente tasse per gli armatori – la vita è stata piuttosto allegra, almeno dal punto di vista delle finanze dello Stato (non certo da quello dei greci, costretti a vivere con i 60 euro sputati fuori dai pochi bancomat ancora funzionanti: per leggere della crisi greca vi consiglio tutti i libri dello scrittore contemporaneo Petros Markaris). Quindi, a occhio e croce, non c’è paragone, non c’è confronto tra i poveri italiani e i poverissimi greci. Ma fino a quando? Ho letto persino di qualche illustre commentatore europeo che consiglia all’Italia e agli italiani di non dormire sugli allori. Già, ma quali allori? Con tutte queste tasse che dobbiamo pagare? Con tutte queste aziende che licenziano e tirano giù la serrande? Con lo Stato che non interviene minimamente ad abbassare la pressione fiscale?
Se l’italia non diventerà come la Grecia, nemmeno gli italiani vogliono diventare come i greci. E in tanti stanno già pensando a due soluzioni: o non votare più per Renzi (perseverare è diabolico!) e sperare in bene, oppure prendere la via dell’esilio all’estero. Dove? In Germania, ad esempio. E almeno in questo caso, ci ritroveremmo Frau Angela Merkel dalla nostra parte. Dite niente.

MA PERCHE’ LA ZUPPA INGLESE SI CHIAMA COSI?

E’ uno dei dolci più apprezzati dagli italiani, almeno nel centro-nord Italia, dalla farcitura di crema e cioccolato in strati di savoiardi e poi ricoperta di alchermes. La zuppa inglese è frequente nei ristoranti dell’Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Umbria, e varia a seconda del territorio nella sua ricetta, ma qual è la ricetta originale e in quale città è nata? A disputarsi il primato della zuppa inglese sono le città emiliane e romagnole, infatti in questi luoghi è diffusa già dal Settecento.

TRIFLE, L’ANTENATO DELLA ZUPPA INGLESE. A rendere l’origine della zuppa inglese misteriosa, è la mancanza di documenti ufficiali e così gli storici hanno dovuto ipotizzare luoghi d’origine analizzando la storia delle varie città, focalizzandosi sull’aggettivo “inglese”. Infatti molti si chiedono come mai un dolce nato nella nostra regione non si chiami zuppa modenese o zuppa ferrarese. L’ipotesi più accreditata è che l’aggettivo determini il cibo a cui poi gli emiliani si sono rifatti, infatti in Inghilterra, nel periodo Elisabettiano, si era diffuso il Trifle, cioè un dolce con base di pasta morbida lievitata, intriso di vino dolce, arricchito di pezzetti di frutta, o frutti di bosco, e coperto da crema pasticcera e panna o crema di latte (double cream).

COME ARRIVO’ IL TRIFLE IN ITALIA? Il punto più controverso è proprio questo, cioè il quando e come arrivò il trifle in Italia. Per alcuni storici l’arrivo nella penisola sarebbe avvenuto durante il rinascimento, infatti l’Inghilterra aveva contatti assidui con la casata d’Este e a sostegno di questa teoria sarebbero proprio i liquori usati. Infatti l’Achermes e il Rosolino sono entrambi di origine tardo-medioevale, specie il primo è dell’epoca di Marco Polo, quando vennero riaperte le vie commerciali con gli arabi, proprio perché il colore rosso era dato un prodotto importato, chiamato concciniglia.

PERCHE’ SI DIFFUSE SOLO NEL ‘700? LA TEORIA ALTERNATIVA. Sostenendo che l’arrivo del trifle in Italia sia avvenuto nel 1500 con la casata d’Este non si spiega come mai la zuppa inglese si sia diffusa in Italia solo a partire dalla fine del XVII secolo. Proprio questa incongruenza ha fatto nascere una seconda teoria: il più importante rapporto diplomatico tra l’Inghilterra e gli Este, guarda a caso, non avvenne nel 1500 ma agli inizi del ‘700. Infatti in quel periodo Maria d’Este, figlia di Alfonso IV d’Este, andò in sposa al re Giacomo II d’Inghilterra, diventando regina d’Inghilterra. La leggenda vuole che arrivata nel paese oltre Manica si sia innamorata di un trifle per aristocratici e che poi tornata in patria avrebbe chieso al suo cuoco di riprodurlo. Egli però aveva a disposizione solo i prodotti locali e con quelli trasformò il Trifle in “Zuppa Inglese”. Se questa teoria fosse accreditata, la zuppa inglese sarebbe nata nella capitale del Ducato Este, che nel XVII secolo era proprio Modena.

(da Modena Today)ZUPPAINGLESE3

SIAMO TUTTI COSI’ FACILMENTE CONVERTIBILI?

OCCHIL’incredibile vicenda della prima (e finora unica) “foreign fighters” italiana, Maria Giulia Sergio, e della sua famiglia, originari della provincia di Napoli e trapiantati ad Inzago nel Milanese, tutti pronti a licenziarsi, a vendere macchina e mobili e partire in fretta e furia per il presunto paradiso promesso dallo Stato Islamico mi fa veramente riflettere ad alta voce: ma siamo così tutti facilmente convertibili all’Islam? Siamo davvero così “arrabbiati” da voler mollare tutto e andare ad ammazzare “50 miscredenti al giorno” (come abbiamo letto dalle intercettazioni telefoniche) per sentirci meglio? L’Operazione “Martese” (parola che in albanese significa “matrimonio”: di mezzo, infatti, c’è anche uno jihadista albanese, marito di Maria Giulia), messa in atto dalla squadra mobile di Milano proprio un attimo prima che la famiglia Sergio prendesse il volo per l’Eldorado della Siria ha scoperchiato l’incredibile (ma vero) mondo parallelo dei terroristi dell’Isis, molto più di un semplice gruppo terroristico (con propaggini sempre più ramificate in vari paesi musulmani), ormai un vero e proprio stato a tutti gli effetti, dotato persino di un sistema di welfare che permette ad interi nuclei familiari di arrivare a Mosul e dintorni, nei quartieri generali del Califfo, e potersi sistemare come una normale famiglia che ha semplicemente traslocato. Senza rendersi conto di non aver solo cambiato paese e continente, ma anche tempo storico: dal presente, indietro indietro fino al Medioevo, dove di fatto è rimasto ancorato il sogno impossibile del Califfo dalla barba lunga.
“Ma poi potrò comprare una macchina?”, chiede il padre di Maria Giulia, preoccupato, alla figlia. “Ma poi potrò usare la lavatrice?”, chiede stavolta la mamma. Chissà se, sotto le bandiere nere, si può avere un’auto di proprietà e addirittura una lavatrice. Personalmente credo che chi si ponga queste domande di normale vita quotidiana non sia affatto pronto, vivaddio, a cambiare vita solo per assecondare i folli progetti di una figlia che, un tempo brava studentessa, ora non vede l’ora di diventare una martire della jihad, la Guerra Santa.
Basta così poco per convertirsi all’Islam, a questo Islam, fatto di morte, di orrore, di barbarie, di kamikaze e di innocenti turisti uccisi in spiaggia? Basta così poco? Basta sentirsi schiavi della società, basta non vedere un barlume di speranza verso il futuro, basta essere disoccupati o abbandonati dalla moglie per diventare dei sanguinari tagliagole? Per fortuna no. Eppure l’Isis sta avanzando, sta facendo sempre più adepti, anche insospettabili, giovani e meno giovani, anche nel cuore dell’Europa decadente. Qui qualcosa bisogna farlo. Per forza. Prima che sia troppo tardi. Prima che pure noi corriamo il rischio di convertirci a qualcosa in cui non crediamo.

TROPPA PUBBLICITA’ PER GLI ATTORI CHE FANNO PUBBLICITA’

vodafone-bruce-willisPassi per Stefano Accorsi che, palesemente ben poco convinto, dice di avere i brividi nel guidare una Peugeot (e si vede pure che gli viene una finta pelle d’oca), passi per Laura Chiatti che ha sostituito indegnamente Cristina Chiabotto, l’unica vera maestra del genere “plin plin” pubblicitario, passi per il sempreverde Raoul Bova alle prese con il peggior operatore telefonico che si ricordi, passi per Christian de Sica che si divora la Simmenthal, passi insomma per i nostri attori di casa – in passato ce ne sono stati tanti, e bravi, che hanno fatto la pubblicità, a cominciare da Carlo Dapporto con il sorriso Durban’s e Tino Scotti con Falqui nel Carosello di una vita fa – ma adesso la nostra italica tv è invasa dai divi d’oltreoceano o d’oltremare, famose in ogni dove, che mai avremmo immaginato di vedere pubblicizzare prodotti tutto sommato banali. A parte profumi vari e dive varie e la Schweppes a bollicine con la frizzante e ambigua Uma Thurman, all’inizio della storia cinema & sport ci fu George Clooney, prima con un brillante Martini e uno splendido slogan “No Martini No Party” e la porta chiusagli clamorosamente in faccia dalle due bellone di turno, poi – più ingrigito, imbolsito e antipatichito – nello spot Nespresso, veramente un caffè per fighetti o presunti tali. Crollo verticale, secondo noi. Come del resto è capitato ad altri. Basti pensare a Antonio Banderas, la sua cascina, la sua gallina Rosita e i biscotti del Mulino Bianco. E poi è stato il turno di Kevin Costner, di cui non si ricorda un film decente negli ultimi quattro lustri, ma tornato prepotentemente alla ribalta grazie al tonno che si spezza con un grissino (e lui che dice “Meglio cambiare” e la moglie del suo vicino di tavola che conferma con animo fedifrago sospirando un “Magari”). Ma adesso trionfa il peggio del peggio, un Bruce Willis al limite del trash, per uno spot in realtà carino e simpatico, soprattutto per merito dell’attore romano che lo scorta alla sua festa con l’Ape dopo che il suo telefonino lo ha lasciato a piedi (e scarico). Bruce Willis, notoriamente un duro e un avventuroso, ne esce con le ossa rotte, come il tipo borghesuccio che non sa fare più nulla senza il suo 4G. Altro che Die Hard…E chissà quanti altri divi internazionali del cinema fanno pubblicità in giro per il mondo e noi poveri italiani non riusciamo a vederli! Secondo me c’è chi non va più al cinema proprio per questo: perchè andare a vedere un film di Kevin Costner quando lo puoi avere tutto per te, per pochi secondi, tra l’insalata e i pomodini? Rimane un mistero il perchè attori di questo genere scendano a questo livello, non certo per bisogno di due soldini in più o per una fornitura annuale di tonno in scatola. Forse è vero il vecchio adagio, sempre valido: “Nel bene o nel male l’importante è parlarne”. Sarà anche così, ma noi i suddetti attori preferiamo ancora vederli sul grande schermo. Se non si fanno definitivamente ingabbiare da quello piccolo.

HERNAN CRESPO NUOVO ALLENATORE DEL MODENA!

IL TASSO FA UN PICCOLO SCOOP E INTERVISTA PER PRIMA HERNAN CRESPO, NUOVO ALLENATORE DEL MODENA. 153 GOL IN SERIE A CON LE MAGLIE DI PARMA, LAZIO, INTER, MILAN E GENOA, UNO SCUDETTO IN INGHILTERRA CON IL CHELSEA DI MOURINHO, MA ALLA SUA PRIMA PANCHINA PROFESSIONISTICA. UN BEL COLPO PER IL MODENA!!! CRESPO HA LE IDEE CHIARE E FARA’ CARRIERA. INFATTI HA FATTO LA FOTO CON ME….crespo

ANCHE L’AMERICA DICE SI….

CON UNA SENTENZA MOLTO ATTESA, MA PER NULLA SCONTATA, LA CORTE SUPREMA DEGLI STATI UNITI HA DECISO: D’ORA IN POI I MATRIMONI TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO SARANNO LEGALI IN TUTTI I 50 STATI DELL’UNIONE (FINORA ERANO LEGALIZZATI SOLO IN 37 STATI, MENTRE NEGLI ALTRI 13 – PIU’ CONSERVATORI – VIGEVA ANCHE UNA LEGGE CONTRARIA ALLE NOZZE TRA OMOSESSUALI). PER CHI PENSA, COME ME, CHE L’AMORE NON ABBIA CONFINI, LIMITE O BARRIERA, E’ UN GRANDE SUCCESSO. ORA – DICIAMOLA TUTTA – MANCA SOLO L’ITALIA. PER MOLTE RAGIONI SARA’ UNA BATTAGLIA LUNGA E COMPLICATA, MA ALLA FINE – NE SIAMO SICURI – L’AMORE TRIONFERA’. E LA LEGGE LO RICONOSCERA’. just married