“Volevo essere Hugh Hefner”

ARTICOLO DI GIORGIO LEVI, DAL SUO BLOG “IL TIMES” (www.giorgiolevi.com)

“E’ morto Hugh Hefner. Il fondatore ed editore di Playboy e l’inventore delle conigliette. Aveva 91 anni.

Ho visto il mio primo numero di Playboy quando avevo 7 anni. Nella palestra della scuola elementare Giosuè Carducci. Aveva portato una copia della rivista più proibita al mondo un mio compagno che aveva il papà console degli Stati Uniti a Torino. “Ho da farvi vedere una cosa speciale”. Teneva il giornale nella cartellina azzurra dei disegni. Siamo scesi in palestra e lì abbiamo visto. Bocche aperte e occhi sgranati. Donne nude fotografate non c’erano, ma i disegni di Alberto Vargas erano quanto di più fantascientifico potessimo immaginare. Vargas tratteggiava a matita e con un realismo assoluto donne con piccoli culi tondeggianti e grandi tette. Il nostro compagno sfogliava la rivista e ogni pagina era una sorpresa. Mai prima di allora avevo visto una donna nuda.

I disegni di Vargas mi aprirono un mondo. Per molti anni fui convinto che tutte le donne, sotto i loro vestiti, erano così. Mi veniva qualche dubbio al mare. A parte mamma (che ovviamente era fuori discussione come fosse una persona asessuata) le sue amiche o le donne che osservavo in spiaggia non mi sembravano come quelle di Vargas. Voglio dire, indossavano bikini con slip alti come un palazzo di sei piani, possibile che senza quei due pezzi di stoffa fossero come quelle biondine di Playboy?

L’attrice Agostina Belli

La copertina che qui risproduco invece si riferisce al numero 1 dell’anno 1 di Playboy, edizione italiana, 1° novembre 1972, Rizzoli Editore. Direttore: Oreste Del Buono. In redazione c’erano anche Lanfranco Vaccari e Rosanna Armani, che avrei conosciuto molti anni più tardi. Questo Playboy l’avevano regalato a papà ad una riunione a Milano in Mondadori. Era arrivato a casa e l’aveva posato sulla mia scrivania: “Guarda che cosa ti porto!”. Gasp. La palymate italiana era l’attrice Agostina Belli, la Rosalia di Mimì Metallurgico. Ma chi andava ad immaginare una tale meraviglia?

Le fanciulle del Golden West

Ho conservato questo Playboy per 45 anni. Mi hanno detto che è una rarità, perché Rizzoli lo considerava un test e ne aveva tirate poche copie. E’ abbastanza ben conservato, l’ho consumato molto. Per nessun prezzo al mondo lo venderei. Beh, non è esatto. Ad Agostina Belli sì”.

C’ERO ANCH’IO IN PIAZZA SAN CARLO

Adesso che sono passati alcuni giorni, posso dirlo: in piazza San Carlo a Torino c’ero anch’io!
Naturalmente il mio pensiero è dedicato ai 1527 feriti di sabato scorso, il 3 giugno. Eravamo in 30 mila nel “salotto buono” della città, proprio davanti al maxi-schermo, per vivere da vicino la finale di Champions League tra la Juventus e il Real Madrid. Io c’ero, ma non per fare il tifo. Io c’ero, per lavoro. Come giornalista free-lance per un’emittente satellitare francese, EuroNews, interessata alla “storia” della partita e del pubblico. Una storia che peggio di così non poteva finire. Quello che è successo, lo sapete tutti. Lo avete visto tutti. Io sono stato pure fortunato: ero in prima fila, proprio sotto al maxi-schermo, davanti ai primissimi tifosi, arrivati lì già al sabato mattina, in posizione privilegiata, ma pur sempre dietro ad una transenna. Noi giornalisti accreditati presso il comune di Torino, organizzatore dell’evento – poi anche nella zona media hanno fatto entrare cani e porci – eravamo i più vicini alla prima via di fuga, ma mai avremmo pensato che quello spazio tra le due chiese gemelle di piazza San Carlo potesse diventare una via di fuga. Chi ci avrebbe mai pensato? Nemmeno gli organizzatori, nemmeno Questura e Prefettura. Nemmeno quelli che adesso si riempiono la bocca del “senno di poi”. Quello che è successo, lo sapete. La dinamica, il perché, resteranno per sempre un mistero. Io so soltanto che, poco dopo il gol del 3-1 che aveva raffreddato gli entusiasmi del popolo juventino, ho sentito un gigantesco movimento d’onda, ho girato la testa verso la sinistra e ho visto una mandria imbufalita di persone disperate correre verso di me. Ho fatto appena in tempo a percorrere quei venti-trenta metri che mi separavano dal retro del maxi-schermo, ma già in quel breve tragitto ho dovuto evitare persone già finite a terra e ho dovuto reggere l’urto per non finirci io, a terra. Sarebbe stata la fine. Mi sono riparato attaccandomi ai tubi Innocenti del maxi-schermo, ho perso di vista i colleghi, Ezio e Teo, che erano ad un centimetro da me. Ho temuto, per un attimo lungo un’eternità, che fosse un attentato. Lo avranno pensato tutti. Panico. Psicosi di questi tempi di terrorismo. Inevitabile. Ho avuto paura che, ora che ero al riparo dalla onda travolgente, arrivasse un terrorista con il kalashnikov. O con il coltello. Cuore in gola. A terra, feriti sanguinanti. Tutti a chiedersi, a chiederci: “Cosa diavolo è successo?”. Una bomba? Un petardo? Un falso allarme? Un ragazzo a torso nudo con lo zainetto? Ci sono state altre due inspiegabili ondate di tifosi. Ho rivisto Ezio e Teo, sani e salvi, grazie a Dio. Ma in tanti – non ultras, non hooligans, ma semplici tifosi che volevano passare una serata di festa – sono caduti a terra, sull’asfalto della piazza, come birilli, precipitati sui cocci di bottiglie di vetro che là non dovevano starci. Altri, i feriti più gravi, sono stati travolti, calpestati, schiacciati. Ora che sono contento di poterlo raccontare, ora che posso dire “io c’ero, ma non mi sono fatto un graffio”, vorrei dire: mai più maxi-schermi. Non è più tempo di scherzare con il fuoco. Con il panico. Con la paura. Quei 1527 feriti sono una…ferita per tutta Torino, per tutta l’Italia.
Mi dispiace dirlo, con amarezza, ma è cosi: non è vero che il terrorismo non vincerà.
Il terrorismo ha già vinto. Il terrore è già dentro di noi. Nella nostra vita quotidiana.
E prima lo capiremo, e meglio sarà.

Di chi è la colpa?

E adesso a chi diamo la colpa, per la morte di “Giò”, il ragazzo di nemmeno 16 anni che a Lavagna (Genova) si è tolto la vita dopo essere stato scoperto all’uscita dalla scuola con 10 grammi di hascisc nello zaino?
E’ colpa della Guardia di Finanza che ha fatto il controllo?
E’ colpa della mancata legalizzazione delle droghe leggere, da più parti (politiche) invocata per risolvere il problema del traffico di sostanze stupefacenti?
E’ colpa dei genitori, che non hanno saputo affrontare nella maniera più efficace un evidente disagio del figlio?
O è colpa proprio di “Giò”, che poteva fare pure a meno di “fumare” a 16 anni?
Difficile, se non impossibile, trovare una risposta a queste difficili domande. Forse la risposta meno banale è una necessaria via di mezzo tra tutte le domande che ci siamo posti. Poi pensiamo che è comunque impossibile trovare una spiegazione a quello che è successo senza conoscere i fatti: a cominciare dai rapporti familiari, quelli che hanno condizionato – forse per la vergogna – l’estremo tragico atto del ragazzo. La mamma (adottiva) di “Giò”, durante il funerale, ha avuto molta dignità e molto coraggio: nel chiedere scusa al figlio, per non averlo capito, indirizzandogli un “Perdonami, piccolino” che gli arriverà fin Lassù. Ma la mamma ha avuto molto coraggio anche nel resistere alla tentazione di scaricare ogni responsabilità addosso alla Guardia di Finanza, che in questo caso ha fatto solo il proprio dovere. “Sono stata io a chiamare i finanzieri”, ha detto la mamma, che probabilmente non sapeva più come affrontare il problema del figlio di 15 anni, se non rivolgendosi ai tutori dell’ordine.
Poi, ognuno di noi, è libero di pensare a chi era e come era a 16 anni, a cosa faceva a 16 anni, a che compagnie frequentava a 16 anni, alle esperienze che ha fatto a 16 anni. lavagnaForse era meglio continuare a giocare al pallone, nel vivaio dell’Entella, e mettersi in bocca un chewingum e non uno spinello, ma noi non siamo qui per giudicare.
“Giò” ha già giudicato se stesso.
E si è giudicato colpevole.
Al di là delle proprie colpe. 

TUTTI ALLO SKYWAY MONTE BIANCO!

SPECIALE SAINT-VINCENT – SKYWAY, L’OTTAVA MERAVIGLIA DEL MONDO
di Cristiano TassinariLa grande bellezza di Saint Vincent permette alla città del casinò di non essere affatto gelosa delle altre splendide località della Valle d’Aosta, anzi: dalla vicinanza con le piste di sci più belle e con le montagne piu spettacolari, St.Vincent trae ispirazione per nuove opportunità turistiche. Lo fa sicuramente il St.Vincent Resort & Casinò: agli ospiti del Grand Hotel Billia viene offerta la grande occasione su un piatto d’argento: una visita mozzafiato e irrinunciabile allo Skyway Montebianco, giustamente definita l’ottava meraviglia del mondo. Che ci porterà – perchè ci stiamo andando anche noi! – sempre più in alto, fino ai 3462 metri (o 3466 metri, a seconda dei cartelli) di Punta Helbronner, dedicata all’ingegnere e alpinista francese Paul Helbronner, proprio nel cuore delle Alpi, le Alpi Graie, incastonata all’ombra del Monte Bianco. Anche se poi, di ombra, in realtà, ne abbiamo trovata poca: abbiamo avuto la fortuna di incontrare una bellissima giornata di sole, che ha baciato in fronte la nostra spedizione turistica. 
Tragitto St.Vincent-Courmayeur in mezzoretta di autostrada e, nemmeno il tempo di rendercene conto, ci troviamo già alla base di partenza dello Skyway Montebianco. 
Operativa da fine maggio 2015, la nuova funivia sul Monte Bianco è un capolavoro architettonico e ingegneristico pari soltanto al capolavoro della natura che ci sta attorno: dalla stazione di partenza di Pontal d’Entreves (quota 1300 metri) – con questa cabina panoramica – si sale subito alla stazione intermedia, Pavillon du Mont Frety, e poi all’ultima, quella più in alto, di Punta Helbronner. Da qui siamo praticamente i nuovi vicini di casa del Dente del Gigante (vista la forma, si capisce bene il perche del nome) e i coinquilini – noi e molti altri turisti – del Cervino, del Monte Rosa e del Gran Paradiso, tanto per citare le cime piu famose, tutte ben visibili e identificabili con il loro inconfondibile DNA bianco. 
Il nostro stupore, in mezzo a cotanta natura, è genuino: non fa nemmeno freddo, il sole batte forte, siamo oltre gli zero gradi, pensate: a 3466 metri! E allora, da questa fantastica terrazza d’Europa, ispirata alla forma di un cristallo, potremmo mai perdere l’occasione per una bella intervista.


Lo Skyway Montebianco è una meraviglia anche in fatto di numeri: un dislivello di oltre 2000 metri, 4 anni di lavori, 100 e passa milioni di euro di costo,.centinaia di operai imbragati come alpinisti, al lavoro anche con 20 gradi sottozero! Tutto questo già spiega a sufficienza la maestosità dell’opera. Tutta made in Italy, dalla progettazione alla realizzazione. I vicini francese, dalla parte di Chamonix, rosicano. La grandeur è italiana. 
Le linee architettoniche, tanto vetro e tanto acciaio e forme disegnate seguendo il vento che soffia, la neve che cade e le valanghe in agguato, rendono questa strepitosa infrastruttura un’opera d’arte quanto mai sicura e affidabile. E ci può far cullare durante la rotazione – dolcemente impercettibile – a 360° delle cabine panoramiche, in modo da poter abbracciare il paesaggio nella sua orgogliosa interezza. Della rotazione – nei 4 minuti e mezzo del primo tratto e nei sei minuti del secondo tratto – te ne accorgi soltanto perchè nella cabina cambia il vicino di posto, anche lui, anche noi, protagonisti consapevoli e fluttuanti in questo spazio temporale così naturale, attraverso lo schermo di questa cabina vetrata che sembra un portapillole e invece porta…i turisti, 80 alla volta, 800 all’ora, di punta. 
E poi è già tempo di scendere, all’avveniristico Pavillion – che sembra una stazione spaziale -, ultima fermata prima dei piedi per terra, è già tempo di uno sprizz, di uno stuzzichino, di un po’ di relax, di una passeggiata nella neve, di tirarsi le palle di neve, persino di fare un’intervista seduti nel bianco che più bianco non si può.

sky lo facciamo a cuor leggero, non siamo affatto tristi, tanto siamo convinti di poterci tornare presto. E se lo chiedete agli amici del Saint Vincent Resort & Casinò, vi riportano su di nuovo anche domani. Promesso!
E, insieme agli auguri di Buone Feste, dalla vetta dello Skyway Montebianco non potevamo che gettare lo sguardo e allargare gli orizzonti verso i prossimi, futuri eventi del Saint Vincent Resort & Casino’

CULLE SEMPRE PIU’ VUOTE: CI SARA’ UN PERCHE’….

Nel 2015, in Italia, la riduzione della natalità ha toccato il minimo storico dall’Unità d’Italia, ma nel 2016 i numeri sono risultati ancora peggiori. E’ questo il quadro emerso dai dati pubblicati dall’Istat, che per la prima parte del 2016 disegnano un futuro davvero fosco dal punto di vista demografico. Vale a dire un calo mai registrato in epoca recente, addirittura del 6%. In numeri assoluti significa 221.500 nuovi nati contro i 236.100 di un anno fa.
Le ragioni che stanno ostacolando, dopo il 2010, una significativa ripresa della natalità nel Paese sono diverse, ma gli esperti ricordano che il recente calo delle nascite è in parte riconducibile anche alla trasformazione strutturale della popolazione femminile in età feconda dai 15- 49 anni, dal momento che le donne in questa fascia di età sono oggi meno numerose e mediamente più anziane. E se il trend delle coppie italiane è ormai quello di fare sempre meno figli, gli immigrati invece avevano in qualche modo impedito il tracollo, ma gli ultimi dati stanno dimostrando una frenata in questo senso, si sta infatti riducendo anche il contributo delle cittadine straniere alla natalità.

161106-014

L’apoteosi (finita male) dell’uomo non qualunque….

Mentre in America stanno per decidere quale sia il male minore (Trump o Hillary?) per il loro futuro e noi ci dibattiamo tentando di capire qualcosa sul referendum costituzionale del 4 dicembre (SI o NO?), dalle pieghe della cronaca (rosa o nera?) ritorna in copertina nientepopodimenoche Fabrizio Corona. L’ex galeotto più famoso d’Italia, ad un passo dalla redenzione, è finito ancora una volta nei guai, ancora una volta in galera. Ancora una volta per una questione di soldi: non estorsione, ma “semplici” guadagni (in bianco o in nero? che domanda!) frutti di ospitate in discoteca e locali vari, da quando ha ottenuto il permesso per farle. Un bel gruzzolo: un milione e 700 mila euro, pare. Nascosti nel controsoffitto della sua casa. E adesso gli inquirenti – la squadra Mobile della Questura di Milano – stanno cercando un altro “tesoretto” da circa un milione di euro, che sarebbe nascosto in qualche banca di uno sperduto villaggio dell’Austria. Per evitare fisco e Guardia di Finanza, s’intende.
E cosi, per colpa di questa ennesima marachella, il Tribunale di Milano gli ha revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali. Un altro brutto colpo per Fabrizio Corona, che dopo due anni e mezzo di galera, un soggiorno nella comunità del mitico Don Mazzi e una autobiografia dal titolo “Mea Culpa”, sperava proprio di poter tornare alla vita di prima (certo meno mondana, per spegnere il “diavolo” che c’è in me: parole sue) e lanciarsi nel mondo dell’editoria. Tutto bloccato. Come nel Monopoli: vai in prigione senza passare dal via!
Lungi da noi l’idea di vittimizzare Corona – personaggio invero ben poco simpatico, soprattutto nella sua versione patinata dell’apoteosi dell’uomo (non) qualunque -, ma è vero che si nota un certo accanimento giudiziario e mediatico nei suoi confronti. Certo, non uno stinco di santo. Ma nemmeno il peggior criminale d’Italia, come altri – con ben altri reati sul groppone – che si godono ancora la libertà, impuniti. Deve aver dato fastidio a qualcuno, a qualche pezzo grosso, Corona: con la sua faccia tosta e le sue foto indiscrete.
Del resto, Al Capone finì in galera per evasione fiscale, non perchè era il capo della mafia americana. Corona ci finisce per un po’ di “nero”, quello che “fan tutti”, per abitudine e, di questi tempi, per necessità. Ben venga la severità e la certezza della pena sempre invocata. Ma con tutti. Non soltanto con il primo bullo televisivo che capita. Altrimenti è troppo facile. Altrimenti è sbagliato. mea culpa

Questione di saggezza…

Queste foto la trovo meravigliosa: una fila ininterrotta di uomini non più giovanissimi, con la loro bella zucca pelata in mostra! Ormai da un po’ di anni, quasi dieci, di questa categoria ne faccio orgogliosamente parte anch’io. Fu un’amica a consigliarmi di “darci un taglio”, a zero o quasi, per ovviare ad una incipiente calvizie e per evitare il tremebondo effetto “riporto”. Io, ormai, non ci faccio più caso. Certo rimpiango un po’ i bei capelli andati e con un po’ di invidia invito i possessori di un bel bulbo ancora ben nutrito a farne buon uso (poi dico loro: “Alla tua età avevo anch’io un mucchio di capelli”, con conseguente segno di scacciajella…), ma per fortuna il commissario Montalbano e – prima di lui – Bruce Willis aveva sdoganato il fascino del calvo. Poi, intendiamoci, avere i capelli è molto meglio, ma si fa di necessità virtù, senza dover ricorrere necessariamente al toupet, al Cesare Ragazzi (una volta ci andai: mi chiese 20 milioni in comode rate) o al “gatto” di Antonio Conte… I non capelli me li tengo così, curati con rasoio e lametta, con una certa frequenza periodica e la necessità televisiva di darmi un po’ di cerone per evitare il riflesso maledetto dei riflettori. E per il resto, lascio parlare chi vuol parlare: calvi sinonimo di maggiore virilità? Chissà! Calvi questione di saggezza intellettuale? Chissà! Fate un po’ uno e un po’ altro, miscelate e otterrete un pelatone bello affascinante. Detto questo, mio padre a 76 anni ha tutti i capelli in testa, appena brizzolati, e mi guarda con un certo compatimento. Che devo dire? Dal suo punto di vista di “capellone”, forse ha persino ragione…..beato lui!

pelatoni

Maestro e allievo?

Questa è proprio una bella foto: ce l’ha scattata il mitico collega Andrea Rughetti sugli spalti dello stadio Alberto Braglia di Modena, durante il derby con la Reggiana, vinto dai granata per 2-1. In questa istantanea, che ferma proprio un istante del nostro commento televisivo in onda su Tv Qui, siamo raffigurati il sottoscritto e il bravo collega Andrea Lolli. Qualcuno ci ha scherzato sopra: il maestro e l’allievo? E soprattutto: chi è il maestro e chi l’allievo? A parte la considerevole differenza d’età, almeno una era geologica di giornalismo, nessuno è maestro e nessuno allievo. Solo due colleghi che si stimano, che amano quello che fanno e che lavorano bene insieme. Poi, è vero che io ho una certa predilezione nel lanciare giovani talenti, chiamatevi talent-scout, se volete, ma Andrea Lolli non l’ho scoperto io, si era già scoperto da solo….
Detto questo, speriamo almeno che questo, nella foto, sia il nostro profilo migliore. Altrimenti pensate un po’ a come dev’essere l’altro…..

14292511_10209054655034959_6292757314120943509_n

SE LA SATIRA NON ABITA PIU’ QUI, ABOLIAMOLA.

Sono passati alcuni giorni, ma la vergogna delle vignette di Charlie Hebdo sul terremoto in Centro Italia è ancora forte. Sono stati milioni gli italiani che, sui social network, si sono sentiti “feriti” da quei disegni di cattivissimo gusto, fatti da un giornale che – dopo quelli che gli è accaduto nel gennaio del 2015 – avrebbe dovuto già capire da un pezzo che non è più il caso di scherzare con i morti. I propri e quelli degli altri.
Un’ondata di indignazione ha attraversato tutto il paese, facendoci dimenticare che noi eravamo gli stessi che mettevamo la foto con la scritta “Je Suis Charlie” sui nostri profili ‘social’. Ma se allora farlo aveva ragione e senso, stavolta quasi tutti abbiamo gettato alle ortiche il presunto sacrosanto diritto alla satira. Anch’io mi sono indignato di fronte allo stupido gioco di parole della prima vignetta, dedicato alla pasta italiana, culminato con le “lasagne” rappresentata dai palazzi crollati “farciti” dai cittadini di Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto, morti sotto le macerie. 295 vittime. Una vignetta vomitevole. E dopo le reazioni veementi sui social network italiani, i geni malefici di Charlie Hebdo cosa pensano (male) di fare? Un’altra vignetta, in cui si difendono dagli attacci ricevuti, scrivendo: “Italiani, non è Charlie Hebdo che ha costruito le vostre case, ma la mafia”. Senza parole. Eppure dovrebbero sapere, gli amici del giornale satirico parigino, che non è il caso di scherzare troppo: da noi italiani si sono presi solo degli insulti via etere, da altri si sono presi pure delle pallottole. E qualcuno, maligno, scrisse che se l’erano pure cercate. Frase altrettanto orrida, al pari delle suddette vignette. Lo stesso “Libero”, sempre provocatoriamente oltre le righe, ha addirittura scritto che “anche a noi viene voglia di sparargli”, a quelli di Charlie. No, non condividiamo. Assolutamente no. Ma un freno a questa satira che non fa nè ridere nè riflettere bisogna darlo.
Qualche “buonista” della primissima ora ci ha rinfrescato la memoria: “ma non eravate voi che ve la prendevate con i musulmani solo perchè sono permalosi e non vogliono che Maometto venga disegnato come un maiale? La satira va bene per i musulmani, ma non per noi italiani? Satira con due pesi e due misure?” Non so dare torto nemmeno a loro. Dopotutto hanno ragione. Eccome. Guai a toccarci da vicino, noi. Ma questa, di Charlie Hebdo, è solo immondizia spacciata per satira. Io ho nostalgia di Forattini, certo che si. Al massimo si beccava una denuncia da Spadolini disegnato nudo o una querela da D’Alema Baffone. Ma almeno, con un semplice tratto di matita, faceva ridere. E non cercava di farlo sulla pelle dei morti. E poichè la satira non abita più qui, allora sapete cosa possiamo fare? Abolirla.

vignette_charlie_hebdo_terremoto